VITERBO, SUCCESSO DI PUBBLICO AL CONVEGNO SULL’ ‘AFFIDO CONDIVISO’

Pubblicato il 11 ottobre 2010 da redazione

Grande successo di pubblico al convegno sulle tematiche della l. 54/2006 meglio conosciuta come “legge sull’affido condiviso” che si è svolto il 9 ottobre a Viterbo. Avvocati, psicologi, educatori ed assistenti sociali hanno gremito la Sala Regia che ha ospitato l’evento, “Affido condiviso: esperienze e fallimenti. Problematiche psicodinamiche nella cura dell’evoluzione del minore “ e salutati dall’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Viterbo, Daniele Sabatini, che ha sottolineato come il Centro Studi di Criminologia di Tyrris onlus, ancora una volta ha colto nel segno, portando  all’attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma di tutta la cittadinanza, una tematica tanto delicata quanto di così grande attualità. Il convegno per la levatura dei relatori e per il rigore scientifico dei lavori presentati ha suscitato l’interesse anche dalla “Guide di Diritto del Sole 24 ore”, presente con un suo inviato in sala. Un’analisi a tutto tondo della normativa, che vuole fare  il punto dello “stato dell’arte” sulla sua applicazione,   ha detto la Dr.ssa Rita Giorgi all’apertura della giornata di studio. Legge che privilegiando  la  centralità della figura del minore sottolinea  il riferimento alla qualifica di genitori e non più di coniugi, ha detto l’Avv. Chiara Trapani,  stabilendo che l’affidamento condiviso diventi la regola al fine di tutelare il diritto del minore ad avere un rapporto equilibrato con entrambi i genitori per quanto concerne la cura, l’educazione, l’istruzione dei figli anche dopo la separazione, il divorzio o lo scioglimento della coppia convivente more uxorio. L’Avv. Massimo Pistilli ha spiegato quelli che sono i reati che  più di sovente vengono commessi nell’ambito di una crisi familiare: si va dalla violazione degli obblighi di assistenza familiare, alla sottrazione di persone incapaci, all’abbandono di persone minori o incapaci, fino alla mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice.  In ambito criminologico si sono analizzati    i numeri di omicidi, suicidi o violenze da ricondurre a vicende di separazione o divorzi di cui purtroppo la cronaca abbonda . Cifre da  “vera guerra” ha dichiarato il Prof. Vincenzo Mastronardi che durante il suo intervento ha dato una lettura interpretativa dei dati messi a disposizione per l’occasione dall’ISTAT, sottolineando l’importanza di come tutte le figure che operano nell’ambito del sociale  debbano essere particolarmente preparate ad affrontare,  le tensioni insite nella “coppia che scoppia” per aiutare  gli attori a derimerle.

1 Commenti per questo articolo

  1. Pierpaolo POLDRUGO Says:

    “Avvocati, psicologi, educatori ed assistenti sociali …”
    e genitori? Nessuno?
    Finchè sono gli operatori, ovvero quelli che incassano, a cantarsela ed a suonarsela da soli lo stato attuale cambierà molto poco.
    Quelli che importano vermente sono i convegni dei genitori, ovvero quelli che pagano per i propri figli. Sono loro che hanno promossa la legge attuale e loro che si devono dare da fare per attuarla.

Scrivi un commento

Devi effettuale log in per scrivere un commento.

Advertise Here

Le nostre immagini

Vedi tutte le immagini

Advertise Here

Sondaggio

TI PIACE LA STATUA DEDICATA A GIOVANNI PAOLO II IN PIAZZA DEI CINQUECENTO A ROMA?

View Results

Loading ... Loading ...

Previsioni Meteo

NEWSLETTER

CALENDARIO

ottobre: 2010
L M M G V S D
« set   nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031