Tag Archive | "umberto croppi"

Tags: , , , ,

CROPPI LANCIA UN NUOVO LABORATORIO POLITICO CHE VA AL DI LA’ DELLA DESTRA

Pubblicato il 16 aprile 2010 by redazione

Lanciare un nuovo laboratorio sulla politica contemporanea ‘che non sia una nuova fondazione o partito’ ma che ‘nasce dall’esigenza di elaborare un pensiero politico dato che i partiti sembrano ora impegnati in altri scontri’. E’ l’idea dell’assessore alla Cultura del comune di Roma Umberto Croppi presentata al Tempio di Adriano nel corso della tavola rotonda ‘A che serve l’Italia’ a cui hanno partecipato l’assessore alla Cultura di Firenze Giuliano da Empoli, il politico ed economista Benedetto Della Vedova, il direttore delle relazioni esterne di Fastweb Sergio Scalpelli, moderata dal giornalista Marcello Sorgi. Croppi ha sottolineato come il titolo dell’incontro, primo di una serie, e tratto da un fascicolo di Lines del ’94 sia senza punto interrogativo ma che la sua intenzione sia proprio quella di ‘porre delle domande, perche’ la classe politica italiana spesso si occupa di indicare risposte ma ha smesso di interrogarsi sulle domande che vengono dalla societa” restando ancorata ‘a un vecchio armamentario ideologico di risulta, detriti di un’epoca sepolta’. Da qui la necessita’ di superare la netta distinzione tra destra e sinistra. Citando un discusso articolo apparso su un quotidiano che metteva in guardia dai ‘fighetti della destra’ Croppi ha osservato che ‘oggi piu’ che mai – ha proseguito Croppi – le idee hanno perso la casacca. Possiamo mettere in moto dunque un movimento di pensiero che dia nuova spinta alla politica italiana’.Molti i temi sul tavolo, a partire dall’innovazione tecnologica (incarnata secondo Croppi anche da una pubblicita’ hi-tech di un’automobile, con video e suoni apparsa su una rivista), ma anche gli sviluppi dell’economia, la scesa della Lega o gli aspetti fiscali che saranno al centro del prossimo dibattito dal titolo ‘Detrarre tutto, detrarre tutti’ che si terra’ presto a Milano. Intanto e’ gia’ in rete il sito www.acheservelitalia.it a sostegno dell’iniziativa.

Comments (0)

Tags: , , , ,

LE BIBLIOTECHE COMUNALI DI ROMA POTRANNO RIMANERE APERTE FINO ALLE 22

Pubblicato il 26 marzo 2010 by redazione

Leggere un libro dopo una giornata lavorativa? Da oggi si potra’ fare anche nelle biblioteche comunali. L’assessore capitolino alla Cultura Umberto Croppi, insieme con il presidente dell’istituzione biblioteche di Roma Francesco Antonelli e il presidente della commissione Cultura Federico Mollicone, hanno presentato oggi il progetto dal titolo ‘Leggere fuori orario’, grazie al quale 15 delle 37 biblioteche comunali potranno rimanere aperte fino alle 22 e non fino alle 19.30 e, in alcuni casi, anche il sabato e la domenica. ‘Con questa iniziativa – ha spiegato Croppi – diamo risposta un impegno preso verso i cittadini: forniamo un’offerta di servizi culturali sempre migliore. Le biblioteche costituiscono la vera spina dorsale dei servizi culturali del Comune e con questo cambiamento ci avviciniamo agli standard internazionali andando incontro alle esigenze di chi vorrebbe usufruirne proprio fuori dagli orari lavorativi’. Dopo un confronto con i sindacati, con una spesa di 160mila euro verranno pagati gli straordinari dei dipendenti delle 15 biblioteche tra cui quelle comunali di Corviale, Testaccio, Cornelia, Collegio Romano, Ostia, Cinecitta’ e Valle Aurelia.
‘Con l’apertura serale delle biblioteche – ha detto Mollicone – prosegue il progetto di rafforzare la presenza sul territorio creando un network che raggiunga piu’ frequentatori possibili e ne conquisti di nuovi utilizzando anche iniziative culturali e nuovi linguaggi’. Infine, Antonelli ha
sottolineato ‘l’utilita’ di iniziative come questa per dare una risposta al disagio sociale dando piu’ importanza ai centri di aggregazione soprattutto nelle zone periferiche’.

Comments (0)

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

ALEMANNO ALLE PRESE CON IL DILEMMA DEL RIMPASTO CAPITOLINO

Pubblicato il 26 marzo 2010 by redazione

Dopo le regionali, comunque vada la partita, è sicuro che si assisterà a grandi cambiamenti all’interno del PDL romano che potrebbero esplicitarsi in tempi brevi con il commissariamento dei vertici regionali attualmente rappresentati da Vincenzo Piso (ex An) e dall’europarlamentare Alfredo Pallone (ex Forza Italia) ma soprattutto con un rimpasto nella giunta del sindaco Alemanno. In bilico sono l’ingombrante esponente della Democrazia Cristiana Mauro Cutrufo che oltre a ricoprire la carica di vicesindaco è anche senatore. In molti storcono il naso per l’eccessivo potere conferito ad un partito che nella Capitale ha ottenuto risultati elettorali modesti con cifre da prefisso telefonico. A dargli il colpo di grazia ci ha pensato Milena Gabbanelli che durante la trasmissione Report lo ha messo in evidente imbarazzo per via del doppio incarico di vicesindaco-senatore e della somma degli emolumenti vietata per legge. Tra gli assessori con il doppio incarico figura anche Alfredo Antoniozzi.  All’ex democristiano figlio d’arte, già giovanissimo assessore ai tempi della Giunta Signorello,  Alemanno rinnoverà la sua richiesta di fare un passo indietro soprattutto per fare posto agli esclusi dalle elezioni. Ad un’ analoga richiesta, fatta all’indomani delle elezioni europee Antoniozzi aveva fatto orecchie da mercante. Incarico a rischio anche per l’assessore all’ Ambiente, Fabio De Lillo. Il farmacista del Campidoglio, esponente di spicco del cosiddetto clan dei Kennedy dell’Aurelio che comprende il fratello maggiore senatore e il fratello minore candidato escluso della lista PDL di Roma, ha inanellato nei mesi scorsi una serie di uscite che hanno imbarazzato il sindaco.  Basti pensare alle panchine con i braccioli per non far dormire i senza tetto che ha fatto sorridere mezza Europa e la festa della figlia che ha riunito 150 parenti stretti al semenzaio dell’Arancera, sede dell’assessorato, nonché patrimonio storico della città.  Per Lui sarebbe pronta una exit strategy con un posto di rilievo ai vertici di una importante società comunale. Proposta di ritiro anche per l’assessore al Bilancio, il deputato  Maurizio Leo, che tornerebbe ad occuparsi solamente dei lavori parlamentari . Nel rimpasto potrebbe cadere anche l’assessore alla Cultura Umberto Croppi. Le sue colpe? Avere un passato nei Verdi, e non avere un presente politico di sostegno. È sacrificabile come il tecnico Marco Corsini, libero di tornare all’ Avvocatura dello Stato e lasciare libero il posto all’Urbanistica. Esperto di lavori pubblici, ha deciso di sgomberare l’Idroscalo con un’azione di forza proprio a ridosso delle elezioni. Non si è chiesto come mai nessun prima di lui aveva voluto mettere le mani su centinaia di case a rischio inondazione. A questo punto è conseguente interrogarsi su chi aspira a questi posti che dovrebbero essere lasciati liberi.  In testa a tutti quel Samuele Piccolo la cui esclusione dalla lista romana del PDL per le regionali  ha causato il terremoto elettorale. Piccolo reclama da sempre un posto in giunta ma questa volta l’ostacolo potrebbe nascere proprio dall’interno della sua famiglia. Piccolo, dopo la sua esclusione, sostiene infatti la candidatura dello zio imprenditore Tiziano Ceravolo che si presenta per un seggio alla Pisana nella lista Popolari Udeur di Mastella. E dato che l’ordine di scuderia per tutti i candidati esclusi del PDL è di fare convergere le preferenze sulla Lista Polverini appare evidente l’irritazione del sindaco Alemanno. Un altro appetito che Alemanno dovrà accontentare è quello del “Cavour di Valle Aurelia” Mario Baccini. L’ex ministro della Funzione Pubblica, con un passato democristiano a fianco dell’assessore Gerace, meglio conosciuto come “luparetta”, una lunga militanza nel CCD e un incidente di percorso nel fallimentare progetto neocentrista della Rosa Bianca è ora saldamente ancorato al PDL. Con un bacino di consensi invidiabile, Baccini aspetta le elezioni per sollecitare un posto in giunta per il delfino Massimiliano Fasoli o, in alternativa per Rosaria Marino, già direttore generale dell’Arsial, l’azienda regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura. Ma cosa potrà fare Alemanno per accontentare i numerosi campioni di preferenze esclusi dalla lista del PDL alle regionali? L’unica soluzione è pensare ad una Giunta comunale che veda il raddoppio degli assessorati!

Comments (0)

Tags: , , ,

CAPODANNO, CONCERTO AL COLOSSEO CON VENDITTI

Pubblicato il 31 dicembre 2009 by redazione

Sarà Antonello Venditti a traghettare Roma nel 2010, come protagonista del tradizionale “concertone” gratuito di Capodanno ai Fori Imperiali. Emblematicamente, lo farà avendo alle spalle la “maestà der Colosseo”. Ad aprire la serata, gli Zero Assoluto. A presentarla, Cristina Chiabotto. Il concerto e gli altri eventi cittadini della notte di San Silvestro sono stati presentati in Campidoglio dal sindaco Alemanno e dall’assessore alla Cultura, Umberto Croppi. “Un evento speciale per un 2010 speciale”, così il sindaco Alemanno sul concerto. Notevole lo sforzo produttivo e organizzativo dietro le quinte. Ne danno conto i numeri: più di 400 persone impegnate (tecnici, facchini, addetti alla sicurezza…), 25 tir per trasportare i materiali. Il palco, largo 26 metri e alto 16, sarà allestito su via dei Fori Imperiali all’altezza della fermata metro Colosseo e rivolto verso piazza Venezia.

Comments (0)

Tags: ,

L’ARA PACIS TORNA COLORATA COME NELL’ANTICHITA’

Pubblicato il 23 novembre 2009 by redazione

La corazza di Marte e’ rossa, come la tunica della Madre Terra e i pomi e i frutti che tiene tra le braccia, i verdi invece dominano nel lussureggiante fregio vegetale che scorre lungo i lati esterni: il colore torna come nell’antichita’ a decorare i marmi dell’Ara Pacis grazie a una sofisticata e innovativa tecnologia virtuale, che illuminera’ il celebre monumento domenica sera, dalle 22 a mezzanotte.
Presentata oggi alla stampa dal soprintendente Umberto Broccoli e dall’assessore alla cultura del comune Umberto Croppi, l’iniziativa (supportata da Gros, Gruppo Romano Supermercati) ha richiesto un finanziamento di 60-70.000 euro e ripropone, su un’area piu’ vasta, l’esperimento compiuto il 23 settembre del 2008 per le celebrazioni del natale di Augusto.’Sono soldi ben  spesi’, ha detto Broccoli, che ieri ha assistito alleprovegenerali dell’illuminazione dei pannelli del fronte occidentale (Enea sacrificante ai Penati e la Tellus) e orientale (la Dea Roma), nonche’ del fregio vegetale. ‘La definizione dei colori e’ straordinaria – ha proseguito – Se Augusto la vedesse non si arrabbierebbe’. Tutti i marmi della Roma Antica erano colorati con accesi cromatismi, ha spiegato il soprintendente. Lo provano ormai le piu’ recenti ricerche degli archeologi, condotte con tecnologie avanzate. A cominciare da quelle che hanno riguardato proprio i reperti dell’Ara Pacis. Nell’ultimo anno e mezzo, ha detto il responsabile Servizio monumenti antichi e Aree archeologiche del Centro storico Giovanni Caruso, gli esperti dei Laboratori dei Musei Vaticani hanno analizzato in modo approfondito alcuni frammenti del monumento e rinvenuto tracce del colore che li ricopriva. Grazie ai microscopi elettronici, si e’ potuto risalire dai pigmenti alle tonalita’ che verosimilmente abbellivano l’Ara Pacis, riprodotte poi fedelmente dai flussi di luce a bassa potenza. Cosi’ tornano i due toni di azzurri, uno scialbato e uno assai piu’ luminoso. Perche’, assicurano Broccoli e Caruso, la Roma antica amava i colori piu’ accesi. Le ulteriori analisi compiute nel 2009 hanno poi portato delle variazioni rispetto al primo esperimento del natale di Augusto. In particolare, ha sottolineato Caruso, il fregio vegetale che un anno fa virava sull’azzurro, per l’accensione di domenica sara’ di un verde deciso. Studi approfonditi hanno evidenziato la grande quantita’ di piante rappresentate, di ramoscelli, viticci e palmette, tra cui trovano spazio piccoli animali. Le novita’ pero’ non finiscono qui. La ricostruzione ha previsto anche il pannello della Dea Roma, un frammento che la tecnologia virtuale riproporra’ non solo nella versione colorata, ma anche nella sua interezza.
Dopo la serata del 22 novembre, che sara’ a ingresso gratuito, ci saranno altre occasioni di vedere l’Ara Pacis colorata. Forse nelle festivita’, ha detto Broccoli, e magari per il 21 aprile 2010, quando il monumento romano potrebbe ospitare il simposio delle religioni mediterranee ipotizzato dal sindaco Alemanno

Comments (1)

Advertise Here

Le nostre immagini

Vedi tutte le immagini

Advertise Here

Sondaggio

TI PIACE LA STATUA DEDICATA A GIOVANNI PAOLO II IN PIAZZA DEI CINQUECENTO A ROMA?

View Results

Loading ... Loading ...

Previsioni Meteo

NEWSLETTER

CALENDARIO

agosto: 2017
L M M G V S D
« giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031