Tag Archive | "viterbo"

Tags: , , ,

SMASCHERATO DA STRISCIA UN SANTONE VITERBESE CHE CHIEDE 100MILA EURO PER GUARIRE DAL CANCRO

Pubblicato il 17 marzo 2010 by redazione

Si fa chiamare Maestro Cagliostro, si dice esperto di magia bianca, nera e rossa, risiede e lavora a Marta in provincia di Viterbo ed e’ stato smascherato dalle telecamere di ‘Striscia la Notizia’, il Tg satirico di Canale 5, mentre chiede 100mila euro ad un’attrice che si rivolge a lui asserendo di essere malata di cancro all’intestino. ’Ma quali medici – dice il sedicente mago alla donna ignorando di essere ripreso da una telecamera nascosta -, ci penso io a guarirti. Ti faro’ vedere cose – aggiunge – che i comuni mortali non hanno visto mai. Basta che la cosa rimanga tra noi’. Poi la richiesta del compenso: ‘Cinquantamila euro subito e altri cinquantamila a guarigione avvenuta’ le dice il Maestro Cagliostro’. Alcuni anni fa lo stesso mago, che imperversa da tempo nel Viterbese, aveva predetto che l’Italia avrebbe vinto i campionati del mondo. Venne eliminata agli ottavi di finale. Fu una delle piu’ disastrose partecipazioni degli azzurri ai mondiali.

Comments (2)

Tags: , , , , , , , , , , ,

VITERBO, RIAPERTA PORTA SAN MARCO

Pubblicato il 15 marzo 2010 by redazione

La riapertura di Porta San Marco era un’esigenza. Ora un importante angolo di Viterbo avrà maggiore attenzione sia da parte dei cittadini, sia da parte dei turisti che giungono in città. Questa opera si inserisce nel progetto di recupero della nostra Viterbo che l’amministrazione comunale sta portando avanti con impegno. Oggi un altro importante risultato è stato raggiunto in questa direzione. Pian piano e in maniera graduale procederemo con altri interventi, anche in angoli molto più nascosti della città. La prossima settimana andranno nuovamente in appalto i lavori di ristrutturazione del Teatro dell’Unione. Un altro passaggio fondamentale per la valorizzazione di un’importante zona come questa. Attraverso l’apertura di Porta San Marco vogliamo trasmettere ai cittadini viterbesi anche l’apertura di questa amministrazione nei loro confronti, ben disposta a valutare i loro suggerimenti e le loro proposte per migliorare la nostra città”. Queste le parole del sindaco Giulio Marini in occasione della cerimonia di inaugurazione di questa mattina, alle quali si affiancano quelle dell’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Arena, che ha aggiunto: “Qualche anno fa avevamo riaperto anche l’antica Porta Fiorita, un’altra porta minore di Viterbo. Oggi, con la riapertura dell’antico varco dopo oltre cinque secoli, i viterbesi, con pochi passi potranno raggiungere il centro storico e la vicina basilica di Santa Rosa. Da viale Raniero Capocci si potrà scorgere una parte del cuore della nostra città. Per i cittadini un volto nuovo di una Viterbo che vuole recuperare la sua storia e valorizzare il suo prezioso patrimonio. In questo contesto – conclude Arena – si inseriscono anche i numerosi interventi che hanno interessato in questi ultimi mesi il Corso, via Matteotti, via della Sapienza e via Cardinal La Fontaine, i cui lavori, in quest’ultima via, termineranno nei prossimi giorni”. L’antica porta, che serviva ai viterbesi per raggiungere l’Arcionello, è stata realizzata nel 1213. La sua chiusura, dovuta a motivi di sicurezza, risale ai primi anni del ’500. Alla inaugurazione di questa mattina, all’ingresso di Porta San Marco, erano presenti oltre al primo cittadino Giulio Marini, all’assessore Giovanni Arena e al consigliere Claudio Ubertini, l’architetto Aurelio Meloni, direttore dei lavori, la ditta che ha eseguito l’intervento di recupero, la Blerana Edile, e Marco Pecorare, autore del dipinto “trompe l’oeil”, realizzato a pochi passi da Porta San Marco. La Madonnina da sempre venerata da molti viterbesi e collocata sul piccolo altare allestito davanti al muro che fino a qualche mese fa divideva viale Raniero Capocci da via del Teatro Nuovo, è stata affidata alle Suore clarisse del vicino Monastero di Santa Rosa.

Comments (0)

Tags: , , , ,

PADRE E FIGLIO VITERBESI VOLONTARI AD HAITI PER AIUTARE LA GENTE

Pubblicato il 16 gennaio 2010 by redazione

Roberto e Marco Dormino, padre e figlio, viterbesi, sono scampati miracolosamente dall’inferno di Haiti e, pur potendo rimpatriare, hanno deciso di restare sull’ Isola per aiutare la popolazione locale. Roberto, 61 anni, e’ il responsabile della logistica per la missione Onu Minustah; Marco, 34 anni, e’ fotoreporter dell’Onu. Lo ha detto Davide Dormino, il figlio minore di Roberto. ‘Ho parlato con mio padre ieri sera – dice Davide – e mi ha detto che non ha nessuna intenzione di tornare in Italia.
Restera’ a Port-au-Prince per organizzare l’arrivo degli aiuti umanitari. Anche mio fratello Marco – aggiunge – ha deciso di rimanere ad Haiti. Lavorano entrambi per l’Onu: mio padre per la missione Minustah, mio fratello come fotoreporter.
Davide Dormino racconta che il padre e il fratello si sono salvati perche’ quando e’ arrivata la prima scossa di terremoto erano all’aperto. ‘La loro casa, nella zona residenziale di Petionne Ville – spiega – e’ fortunatamente rimasta in piedi.Questo tranquillizza mia madre e me, perche’ sappiamo che hanno un posto in cui ripararsi’. La moglie di Roberto Dormino, Laura Orlandi, anch’ella viterbese, vive sei mesi l’anno ad Haiti e fa la volontaria in un ospedale. ‘In questo periodo – conclude Davide – era a Viterbo. E’ stata angosciata finche’ siamo riusciti a parlare con mio padre e mio fratello. Ora e’ piu’ tranquilla. Credo che anche lei tornera’ ad Haiti per aiutare la gente del posto’.

Comments (0)

Tags: , ,

STUPRATA A CAPODANNO DURANTE UNA FESTA PRIVATA

Pubblicato il 05 gennaio 2010 by redazione

‘Sono stata stuprata da uno o piu’ uomini durante la festa di Capodanno nel castello Costaguti di Roccalvecce, vicino a Viterbo. Mi sono accorta di aver subito la violenza sessuale solo questa mattina, quando sono tornata a casa e ho notato delle macchie sulla mia biancheria intima ed ho avvertito dei disturbi. Lo stupro e’ avvenuto mentre ero semincosciente a causa del troppo alcol bevuto, in una stanza del castello in cui mi hanno condotto un gruppetto di giovani’.
E’ il drammatico racconto fatto la mattina del primo gennaio da una ragazza romana di 24 anni agli uomini del commissariato Flaminio Nuovo di Roma. La giovane, nella denuncia, ha anche indicato i nomi dei componenti del gruppo che erano con lei alla festa, anche se ha precisato di non essere in grado di indicare chi e quanti di loro hanno partecipato allo stupro.
Dopo aver raccolto la denuncia, gli agenti hanno accompagnato la ragazza romana nel vicino ospedale Sant’Andrea, dove e’ stata sottoposta ad una visita ginecologica, durante la quale sono state prelevate alcune tracce biologiche. L’esito degli accertamenti, cosi’ come i reperti prelevati sugli indumenti, sono stati allegati al fascicolo e immediatamente trasmessi alla procura della Repubblica di Roma che, gia’ oggi, ha disposto l’invio degli atti a Viterbo per competenza territoriale. Domani mattina saranno a disposizione dei pm. Le indagini, mirate ad accertare se le tracce siano compatibili con una violenza sessuale e, in caso affermativo, a chi appartengano, saranno svolte dalle forze dell’ordine di Viterbo su delega dei magistrati incaricati dell’inchiesta. Per ora, in base alla denuncia presentata dalla ragazza, l’unico elemento certo e’ che lo stupro sarebbe avvenuto approfittando del suo stato di semincoscienza. Un aspetto, quest’ultimo, che avrebbe fatto sorgere altri sospetti negli investigatori, tanto che hanno chiesto alla giovane se ritenga possibile che le sia stata somministrata qualche sostanza in grado di stordirla. Ma lei ha dichiarato di non essere in grado di affermarlo.
Ancora una volta una festa si e’ trasformata nello scenario di uno stupro. Il 31 dicembre 2008, durante la megafesta di Capodanno alla Fiera di Roma, una ragazza di 25 anni, residente a Genazzano, era stata stuprata durante da un giovane di 22 anni, Davide Franceschini. Il ragazzo, arrestato il 23 gennaio successivo, confesso’ di aver agito sotto l’effetto di alcol e droga. Il 15 giugno e’ stato condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione.
La notte tra il 14 e il 15 agosto 2009, una ragazzina di 17 anni e’ stata violentata nel ripostiglio di una casetta sulla spiaggia di Tor San Lorenzo, litorale sud di Roma. Con un gruppo di amici avevano organizzato un falo’ sulla sabbia. Sotto accusa sono finiti due gemelli di 20 anni e un ragazzo di 18, tutti di Roma. Le indagini sono ancora in corso.

Comments (0)

Tags: ,

VITERBO, TRASPORTI URBANI GRATUITI PER 15 GIORNI

Pubblicato il 15 dicembre 2009 by redazione

Trasporti pubblici gratuiti a Viterbo nei giorni feriali e festivi, da mercoledi’ prossimo al 1 gennaio 2010. E’ il provvedimento adottato dalla societa’ di trasporto pubblico Francigena, d’intesa con l’amministrazione comunale, per contenere l’intasamento del centro storico e le difficolta’ di parcheggio in occasione delle feste natalizie.
Tutte le linee urbane potranno essere utilizzate senza biglietto dalle 5.30 del mattino alle 22.,30. La municipalizzata e il Comune, come ha spiegato il presidente del Cda Pierre Di Toro, non rimetteranno nemmeno un euro in quanto i mancati introiti, circa 1.000 euro al giorno, saranno compensati dalla Regione Lazio che, nell’ambito di un finanziamento da un milione e mezzo di euro concesso alla Francigena, ha previsto una quota destinata al trasporto gratuito in occasioni straordinarie.

Comments (0)

Advertise Here

Le nostre immagini

Vedi tutte le immagini

Advertise Here

Sondaggio

TI PIACE LA STATUA DEDICATA A GIOVANNI PAOLO II IN PIAZZA DEI CINQUECENTO A ROMA?

View Results

Loading ... Loading ...

Previsioni Meteo

NEWSLETTER

CALENDARIO

aprile: 2017
L M M G V S D
« giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930